A Roma il 15 maggio Le pergamene del Nuovo Umanesimo alla Sapienza!

Le pergamene del Nuovo Umanesimo annunciano un Nuovo Linguaggio !

“Il mondo ha bisogno di trovare un Nuovo Linguaggio che sappia dare una lettura della realtà diversa, profonda .

Un linguaggio che porti un’ analisi ed una sintesi di livello “altro ed alto “. Se un premio letterario è capace di fare questa lettura della realtà , superando  il meschino, il crudele, l’aspetto  bestiale, il raggiro, l’intrallazzo, il compiacimento nella descrizione del orrido,  come sistema di scambio culturale, ebbene quel piccolo evento letterario portrà portare un vento nuovo d’amore nella cultura e nella società. Un messaggio che sia sintesi poetica di un’ analisi della cultura del nostro tempo per migliorarla, coltivarla negli aspetti positivi. Un soffio che possa renderci protagonisti di una novità : la cultura dell’amore come espressione non di un sentimentalismo trito ed inutile, ma approccio al reale attraverso la lente dell’amore a tutto tondo. L’amore per la cultura, per l’addestramento alla gestione della vita propria e degli altri con comprensione , con intelligenza, con competenza. La competenza dell’amore che possa superare l’emozione e cogliere il senso ultimo  del messagio di armonia da dare al mondo, per rinnovarlo, pulirlo dalle brutture che lo hanno invaso.” 

Queste le linee di comportamento  culturale che da più di quindici anni la presidente fondatrice del Premio “LE ROSSE PERGAMENE DEL NUOVO UMANESIMO” Anna Manna porta avanti.

Ogni anno a primavera, in due Eventi distinti a breve distanza di realizzazione, si rinnova a Roma la KERMESSE  di poeti d’amore  del Premio Le rosse pergamene.

Il primo evento del 2018 si svolgerà al Centro di Documentazione Europea A. Spinelli , più volte prestigiosa cornice del Premio che ospita da molti anni, il 15 maggio alle ore 16.00.

Anna Manna e Angelo Ariemma, per il Centro Spinelli, accoglieranno i premiati delle molte ed interessanti sezioni del Premio nella  Facoltà di Economia e commercio – Sapienza Università di Roma  in via Del Castro Laurenziano 9 al piano terra dove è situato il Centro di documentazione europea Spinelli. 

La Giuria del Premio è di altissimo livello. Il poeta Corrado Calabrò, nome famoso a livello mondiale,  è il prestigioso Presidente della Giuria per la sezione Europa e cultura -Eccellenze italiane. Neria De Giovanni, presidente dell’Associazione Internazionale dei Critici Letterari, è la presidente di giuria della Sezione Italia Mia che nel 2018 porterà una grande novità organizzativa nel secondo incontro a giugno.

Al tavolo della giuria siedono poeti affermati e di grande richiamo: Daniela Fabrizi, memoria storica del Premio che ha seguito dalla nascita,  Jole Chessa Olivares poetessa di vasto respiro culturale, Fabia Baldi  Madrina del Premio, raffinata e delicatissima poetessa dell’amore,  Antonella Pagano che porta il saluto di Matera capitale della cultura 2019, Anita Tiziana Laura Napolitano molto nota a Roma per le sue doti di organizzatrice culturale, Tiziana Marini e la carezza poetica della sua dolcezza e certamante Anna Manna fondatrice  e Presidente di questa grande famigia di poeti d’amore.  Nomi che hanno grande seguito nella vita culturale romana e non solo. La Sezione della poesia d’amore ha quest’anno come tema la città di Roma e la regione della Calabria. Amare Roma, amare a Roma per un invito poetico a raccontare le bellezze di Roma ed il suo nome nella storia ma anche racconti emozioni e vibrazioni di amori vissuti a Roma.

Il 15 maggio sarà pertanto una festa per la poesia dedicata a Roma mentre a giugno si svolgerà la seconda parte del Premio dedicata alla Calabria in onore del poeta Corrado Calabrò presidente della giuria per le Eccellenze italiane e per la sezione Europa e cultura, lanciata da Anna Manna nella Sala delle Bandiere della sede del Parlamento europeo a Roma nel 2014.

La ricerca della parola, la ricerca di un nuovo linguaggio caratterizzerà questa edizione 2018 del Premio in una impostazione che vuole diventare indicazione di un percorso, programma culturale e messaggio per i partecipanti che giungono numerosi da tutta Italia. Al di là del linguaggio giornalistico che si propone a volte in modo morboso  di raccontare la realtà anche nei suoi aspetti più crudi e meschini, oggi la cultura dovrebbe potenziare l’espressione artistica che sappia descrivere i sensi ed i significati profondi delle movenze dell’anima , le spinte profonde della azioni umane alla ricerca di una verità dell’arte che sappia raccontarci la vita. Uno spartito musicale che conosce il ritmo moderno, le sperimentazioni più ardite, i modelli classici, la tradizione della poesia , per un dialogo tra ieri e oggi, tra il nuovo e l’antico.

Saranno presenti al premio come parterciapnti e premiati  come ogni anno poeti famosi e poeti sconosciuti, giovanissimi poeti in erba e proposte classiche, ardite sperimentazioni poetiche e dialoghi tra discilpline diverse.

Chiudiamo con un commento al premio da parte della poetessa Anna Manna :

 “Un premio letterario è innanzi tutto una lunga storia di incontri, daloghi, contrasti, polemiche e tanto altro ancora. E’ il racconto di uno spaccato di vita culturale… è il razzo lanciato verso il futuro per colpire le stelle e smaschrarle. Quelle stelle che ci sembrano vere ed invece sono morte, finite.

Ma  anche, al contrario, smascherare il buio per scovare la luce dove sembra che sia morta, che non ci sia più. Questa è sana follia d’amore che genera nuove parole, un nuovo linguaggio per riconoscerci nei sentimenti di sempre. Per non sparire nel nulla , per non degradare , per non svaporare in discorsi senza senso  …per ritrovare la gioia di vivere.”

Alessandro Clementi

Responsabile della comunicazione per il

Premio “Le rosse pergamene del Nuovo Umanesimo”