Premio Nazionale di Editoria Universitaria. Al via l’edizione 2017-2018

L’Associazione Italiana del Libro ha bandito l’edizione 2017-2018 del Premio Nazionale di Editoria Universitaria.

Il Premio si pone l’obiettivo di contribuire ad accrescere la qualità complessiva dell’offerta editoriale rivolta alla formazione universitaria, favorendone allo stesso tempo una maggiore diffusione e accessibilità.

Si concorre con libri finalizzati all’insegnamento universitario, capaci di affiancare alla funzione didattica la capacità di divulgazione scientifica, pubblicati in prima edizione a partire dal 2015 e inseriti nei programmi di studio di qualsiasi corso di laurea delle università italiane nell’anno accademico 2017-2018 o in quello precedente.

Non rientrano tra le opere ammissibili al Premio quelle edite soltanto in formato elettronico o digitale. Non sono ammesse opere già presentate alle precedenti edizioni del Premio Nazionale di Editoria Universitaria o che rappresentino una semplice riedizione di opere pubblicate in anni precedenti al 2015.

Verranno premiati gli autori che si sono particolarmente distinti, nell’ambito degli obiettivi del Premio, per l’efficacia e chiarezza dell’esposizione ai fini della formazione.

A discrezione del comitato di presidenza potranno essere attribuiti riconoscimenti anche alle case editrici caratterizzate da particolari eccellenze nel campo della formazione universitaria nel corso del periodo considerato.

I premi sono costituiti da targhe e diplomi che potranno essere integrati, su decisione del comitato di presidenza, da altri riconoscimenti, dandone opportuna conoscenza attraverso il sito entro il 30 settembre 2017.

Gli interessati possono presentare le proprie opere a concorso entro il 30 settembre 2017 (prima scadenza) specificando l’ambito e  l’area scientifico-disciplinare alla quale intendono partecipare. E’ previsto un contributo di 7,00 euro alle spese di segreteria. Per le opere presentate successivamente, e comunque non oltre la data massima del 31 gennaio 2018 (seconda e ultima scadenza) il contributo alle spese di segreteria è di 12,00 euro.

Si può partecipare in più ambiti o aree scientifiche e con più opere.

Gli ambiti e le aree scientifico-disciplinari di riferimento sono le seguenti:

Ambito A. Scienze matematiche, fisiche, chimiche e della Terra

  • Area 01 – Scienze matematiche e informatiche
  • Area 02 – Scienze fisiche
  • Area 03 – Scienze chimiche
  • Area 04 – Scienze della Terra

Ambito B. Scienze della vita e della salute

  • Area 05 – Scienze biologiche
  • Area 06 – Scienze mediche
  • Area 07 – Scienze agrarie e veterinarie

Ambito C. Ingegneria e Architettura

  • Area 08 – Ingegneria civile e Architettura
  • Area 09 – Ingegneria industriale e dell’informazione

Ambito D. Scienze storico-letterarie e della formazione

  • Area 10 – Scienze dell’antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche
  • Area 11 – Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche

Ambito E. Scienze giuridiche, economiche e sociali

  • Area 12 – Scienze giuridiche
  • Area 13 – Scienze economiche e statistiche
  • Area 14 – Scienze politiche e sociali

Nello spirito degli obiettivi del Premio, in base alle modalità di valutazione individuate dal comitato di presidenza in collaborazione con il comitato scientifico, è prevista in ciascuna delle aree scientifico-disciplinari indicate l’attribuzione di un premio al 1° libro classificato. Il comitato di presidenza si riserva tuttavia di derogare a tale previsione in ragione del numero e delle caratteristiche delle opere presentate, dandone opportuna conoscenza attraverso il sito.

Verrà inoltre attribuito un premio al 1° libro classificato in assoluto nell’edizione 2017-2018 del Premio Nazionale di Editoria Universitaria.

A discrezione del comitato di presidenza potranno essere attribuiti anche altri riconoscimenti ad autori o case editrici partecipanti.

Entro i termini di scadenza indicati gli interessati dovranno far pervenire via email alla segreteria del Premio, per ciascuna opera da candidare, una semplice richiesta di partecipazione, precisando

a) il titolo dell’opera presentata (comprensivo del nome dell’autore, editore e anno di edizione),

b) l’ambito e l’area scientifico-disciplinare nella quale si intende partecipare tra quelle sopra elencate,

c) le seguenti generalità dell’autore o degli autori: nome e cognome, anno di nascita, email,

d) un breve profilo bio-bibliografico dell’autore o degli autori,

e) il link al programma di studi nel quale l’opera è inserita o analoga documentazione attestante la presenza dell’opera nei programmi di studio di qualsiasi corso di laurea delle università italiane nell’anno accademico 2017-2018 o in quello precedente,

f) gli estremi del versamento dei diritti di segreteria effettuato.

Alla richiesta deve essere allegata l’opera in formato digitale, in un unico file o in più file, ciascuno del peso massimo di 5MB

La email con i relativi allegati va spedita al seguente indirizzo di posta elettronica: info@premioeditoriauniversitaria.com

Nell’oggetto della email specificare: partecipazione al Premio.

La segreteria del Premio confermerà l’avvenuta iscrizione dell’opera al Premio tramite email.

Entro la data massima del 28 febbraio 2018 dovranno pervenire per posta presso la sede legale dell’Associazione Italiana del Libro (Via Giuseppe Rosso 1/a, 00136 Roma) anche due copie del libro in formato cartaceo. Le copie in formato cartaceo non saranno in ogni caso restituite.

La segreteria del Premio confermerà il ricevimento dei libri tramite email.

Le candidature e le opere possono essere presentate dagli autori (o da uno degli autori) o dagli editori. Per le opere collettive l’opera può essere presentata, a nome di tutti, oltre che dall’editore, anche dal curatore o da uno dei curatori.

Il comitato scientifico del Premio – secondo le modalità individuate dal comitato di presidenza in collaborazione con il comitato scientifico – procederà entro il termine massimo del 15 marzo 2018 all’individuazione delle opere che accedono alla fase finale della manifestazione, dandone opportuna conoscenza attraverso il sito, ed entro il 15 aprile 2018 all’individuazione delle opere vincitrici, dandone opportuna conoscenza agli interessati.

Il giudizio e le scelte del comitato di presidenza e del comitato scientifico sono insindacabili.

La cerimonia di premiazione si svolgerà a Roma nel corso del mese di maggio 2018.

I dati personali verranno trattati, esclusivamente ai fini della manifestazione, secondo quanto previsto dalla legge 196/2003 sulla privacy e successive modificazioni e integrazioni.

Per informazioni: info@premioeditoriauniversitaria.com

Questo il comitato di presidenza del Premio

  • Luigi Campanella (Sapienza Università di Roma), presidente
  • Nunzio Bianchi (Università degli Studi di Bari Aldo Moro)
  • Anna Rosa Candura (Università degli Studi di Pavia)
  • Maria Catricalà (Università degli Studi Roma Tre)
  • Paola Dal Toso (Università degli Studi di Verona)
  • Alessandra De Lorenzi (Università Ca’ Foscari Venezia)
  • Renata De Lorenzo (Università degli Studi di Napoli Federico II)
  • Elena Dellapiana (Politecnico di Torino)
  • Mirko Di Bernardo (Università degli Studi di Roma Tor Vergata)
  • Vito Ferro (Università degli Studi di Palermo)
  • Riccardo Gallo (Sapienza Università di Roma)
  • Giuseppe Liotta (Università degli Studi di Perugia)
  • Eloise Longo (Istituto Superiore di Sanità)
  • Pasqualino Maietta Latessa (Alma Mater Studiorum Università di Bologna)
  • Enrico Marelli (Università degli Studi di Brescia)
  • Fernando Marotta (Seconda Università degli Studi di Napoli)
  • Luca Mezzetti (Alma Mater Studiorum Università di Bologna)
  • Enrico Miccadei (Università degli Studi G. D’Annunzio Chieti Pescara)
  • Angela Mongelli (Università degli Studi di Bari Aldo Moro)
  • Luigina Mortari (Università degli Studi di Verona)
  • Giorgio Poletti (Università degli Studi di Ferrara)
  • Marcello Signorelli (Università degli Studi di Perugia)
  • Franco Taggi (già dirigente di ricerca dell’Istituto Superiore di Sanità)
  • Immacolata Tempesta (Università del Salento)
  • Antonio Tiezzi (Università degli Studi della Tuscia)
  • Gherardo Ugolini (Università degli Studi di Verona)
  • Angelo Vulpiani (Sapienza Università di Roma)
  • Giuseppe Zicari, biologo