Dalla piramide al cerchio, la persona al centro dell’azienda

ZACCARELLI LIBRO facciata triangoloNel saggio “Dalla piramide al cerchio, la persona al centro dell’azienda” (FrancoAngeli 2017), Guido Zaccarelli vuole trattare un argomento di profonda attualità presente nei luoghi di lavoro: un diffuso senso di malessere personale che nel tempo ha contagiato l’intero agire sociale creato dall’economia 4.0. La galea è l’immagine presa a riferimento per confrontare l’attinenza del duro lavoro svolto dagli schiavi durante la navigazione e l’attività svolta dai lavoratori alla catena di montaggio. Un viaggio a bordo della galea che salpa un giorno dal porto di una azienda piramidale, dove la conoscenza è solida, per raggiungere, dopo aver incontrato cieli tersi oppure giornate grevi, il porto di un’azienda circolare dove la conoscenza è liquida. Lo scopo è infondere il senso etico di una nuova cultura aziendale che ponga la “Persona” al centro dell’ecosistema organizzativo, dove possa riconoscersi per identità e senso di appartenenza. Occorre invitare il management ad adottare modelli organizzativi più aderenti ai bisogni e ai desideri delle persone, dove disciplinare le pretese rivolte all’uomo di seguire i ritmi incalzanti di produzione della catena di montaggio, imposti dall’organizzazione per ridurre i costi e competere con i mercati globali. La competitività di una azienda si misura dalla sua capacità di porre le persone nelle condizioni di donare le proprie idee agli altri e di condividere la conoscenza in forma circolare. La presenza di un clima organizzativo positivo motiva le persone al fare e a identificarsi nel comune agire dell’azienda creando le premesse per la creazione di luoghi di lavoro felicitanti in grado effettivamente di fare emergere la conoscenza sommersa delle persone, invisibile agli occhi, che sciolta, è in grado di generare importanti risorse finanziarie intangibili da investire nella formazione, nella ricerca e sviluppo e per accrescere il livello di competenza al proprio interno. Le persone diventeranno più sagge, felici e contente. Sapendo di essere rispettate, agiranno, proporranno, saranno volenterose. Dobbiamo portare sempre dentro di Noi il profumo della bellezza degli altri, di relazioni solide che diventano liquide per raggiungere le profondità marine della Conoscenza condivisa: «il clima ideale per creare un futuro eticamente sostenibile».

Guido Zaccarelli è referente del Servizio Informativo dell’Azienda Sanitaria di Modena, presso il Distretto di Mirandola. Laureato in Comunicazione e Marketing, ha conseguito un Master in Management per le funzioni di coordinamento delle professioni sanitarie. Dal 2008 è docente di informatica a contratto presso l’Università di Modena e Reggio. È autore dei libri: Informatica, Insieme verso la conoscenza (Athena, 2010), La conoscenza condivisa, Verso un nuovo modello di organizzazione aziendale (FrancoAngeli, 2012) e Finestre di casa nostra (Itaca, 2013 SanitariaGent.le Presidente,