I gemelli Tapper. In guerra tutto è permesso (Fabbri Editori)

9788891518576BI gemelli dodicenni Claudia e Reese scrivono un diario a quattro mani, raccontando per filo e per segno la disavventura che hanno vissuto insieme, complici un po’ di superbia, di invidia, di stoltezza. L’idea di dare un resoconto dettagliato degli eventi appartiene a Claudia, che presta in alcuni momenti il diario al fratello per raccontare il suo punto di vista con illazioni, interviste, commenti. Il testo si avvale anche di inserti in cui si riportano gli sms dei genitori, le chat delle amiche, foto e immagini rintracciate in internet. La gara a farsi dispetti, a screditarsi davanti agli altri alunni della scuola, a rincorrere sistemi più o meno leciti per contrattaccare scaturisce da un primo equivoco spiritoso e goliardico che Reese infligge a Claudia: durante la pausa pranzo a mensa la indica come la Principessa Scorreggiona. Da quel momento i gemelli e i genitori, i compagni di classe e gli amici assistono ad un crescendo di trovate che li conducono a non avere più la serenità domestica, l’autostima e il rispetto degli amici. Claudia avverte un forte pentimento quando si accorge che il fratello, di temperamento più fragile, ha sofferto intimamente per i suoi scherzi, per le sue calunnie a cui non ha saputo replicare adeguatamente. Lei si sente più solida nei suoi propositi, più rigorosa nel tranciare giudizi ma alla resa dei conti l’autentico affetto le tracima dal cuore e la fa riavvicinare al fratello. Una lettura piacevole, molto variata grazie ai diversi contributi narrativi, da cui si filtrano numerose gocce di saggezza.

Genere: narrativa. Età: da 11 anni.

RODKEY, Geoff: “I GEMELLI TAPPER. IN GUERRA TUTTO è PERMESSO”, Fabbri Editori, Milano 2016, 250 p., € 15.

Claudia Camicia