Roma nello sguardo confidente

ROMA NELLO SGUARDO CONFIDENTE

E’ più vera Roma
nello sguardo confidente
scorre viva
si fa centro
richiama
inflessioni cadenze profane
sfide mitiche care alla Storia
candele memoriali
a sciami soffuse
quasi a marcare i diversi contorni
ma anche
primitiva innocenza
sigillo alla Grande Promessa
che lava il pianto
di ogni crociata perduta.

Vicina e lontana
da molte disfatte luci
fluisce nei rimandi
abbraccia
rovinosi disastri
scomposta polvere
di nobiltà decaduta
bandiere simboli profanati
da lotte tortuose
nella circolarità di passato e presente
ma anche
lasciti di bellezza
di umano ineguagliato ingegno
lo splendore di una tradizione
sempre ardente
nella pena e nella gioia
fino a fondersi
nelle pieghe più sfuggenti
vivere
in acuta sintesi
là dove il passo risuona
eccede beffardo
il fumo di tutti i ritorni.

IOLE CHESSA-OLIVARES