Burattini, streghe e briganti

burattini cover

Esce, edito da Rizzoli e curato da Giulio Schiavoni, il libro di Walter Benjamin, Burattini, streghe e briganti. Illuminismo per ragazzi (1929-1932).

Tra il 1929 e il 1932 Benjamin, convinto sostenitore di un uso socialmente utile dei nuovi media, ha letto alle radio di Berlino e Francoforte una serie di “micronarrazioni” rivolte ai “ragazzi fra i dieci e i quindici anni”, rivelando un indiscutibile talento affabulatorio e pedagogico e cercando di indurre nei giovani ascoltatori una propria capacità di osservazione critica del mondo.

Attraverso i temi e i protagonisti delle narrazioni, scorrono in filigrana temi come il Teatro dei burattini, Caspar Hauser, Il dottor Faust, Le antiche bande di briganti, La scomparsa di Pompei ed Ercolano, e, al tempo stesso, le spinose questioni e i protagonisti del suo tempo: dalle scorribande attraverso Berlino, allo sviluppo della tecnica e dell’industria, dal potere oppressivo dello Stato nella Bastiglia al diabolico fascino del ciarlatano Cagliostro-Hitler, alla cupa Caccia alle streghe, prefigurazione di quella caccia al diverso che si scatenerà di lì a pochi anni. Il testo è tradotto da Giulio Schiavoni, cui si deve anche una completa ricognizione del pensiero di Benjamin nell’introduzione.

Di Walter Benjamin (1892-1940) BUR ha pubblicato anche L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica e altri scritti sui media.

Giulio Schiavoni insegna Letteratura tedesca all’Università del Piemonte orientale. Ha tradotto importanti autori di lingua tedesca, tra cui opere di Kafka e Roth (per BUR), Bachofen, Freud, Musil e Benjamin.