Radici. Territorio & Letteratura. A maggio la proclamazione dei vincitori

natura-italiana1-300x218

Entro maggio si conosceranno i nomi dei vincitori della prima edizione del Premio Radici. Territorio & Letteratura, bandito l’anno scorso dall’Associazione Italiana del Libro. Il Concorso è suddiviso in due sezioni:

  1. sezione opere edite (anche solo su internet o in formato elettronico)
  2. sezione opere inedite

Gli  obiettivi del Premio sono:

  • riscoprire un territorio attraverso la voce dei poeti e degli scrittori che lo hanno cantato e descritto
  • saper coniugare letteratura, tradizione e modernità
  • comprendere e valorizzare lo spirito più profondo dei nostri territori

Possono concorrere con libri, pubblicazioni, saggi, articoli e documenti: autori, case editrici, riviste, associazioni culturali, Comuni, enti pubblici e privati, scuole di ogni ordine e grado, biblioteche, persone fisiche.

Si può partecipare ad entrambe le sezioni e/o con più pubblicazioni.

Per informazioni:

info@associazioneitalianadellibro.com

Per i non iscritti all’Associazione è richiesto un contributo di partecipazione al Premio di 7 euro per ogni opera presentata (chi è iscritto all’Associazione non deve versare alcun contributo per la prima opera presentata).

Il versamento può essere effettuato in questi modi:

  • utilizzando il servizio PayPal accessibile dal sito www.associazioneitalianadellibro.it
  • versamento sul conto corrente postale n 1012061907 intestato all’Associazione Italiana del Libro, Via Giuseppe Rosso 1/a, 00136 Roma  (in questo caso inviare copia della ricevuta via email)
  • bonifico sullo stesso conto dell’Associazione Italiana del Libro, IBAN: IT39I 07601 03200 00 1012061907
.

Gli interessati possono presentare le proprie opere a concorso entro il 31 marzo 2014 specificando a quale sezione intendono partecipare.

In ragione delle opere pervenute o per motivi attinenti all’organizzazione del concorso l’Associazione Italiana del Libro può procedere allo slittamento dei termini di presentazione delle opere, indicandone e rendendone pubbliche attraverso il sito le modalità.

Entro i termini fissati i partecipanti dovranno inviare via email la propria opera specificando a quale sezione intendono concorrere (opere edite o opere inedite) e le generalità del proponente (nome e cognome), allegando, se prevista, la quietanza comprovante il versamento del contributo previsto. Va indicata la email dell’autore o di ciascuno degli autori dell’opera. Si può partecipare anche con più pubblicazioni. Per le opere collettive l’opera può essere presentata, a nome di tutti, anche da un singolo autore, dal curatore o dall’editore. Sono ammesse a concorso per gli editori anche le opere acquisite ma non ancora pubblicate.

Le richieste vanno inviate al seguente indirizzo di posta elettronica:

premi@associazioneitalianadellibro.com

( o anche: premi@associazioneitalianadellibro.it )

 

La documentazione allegata deve riguardare:

Per la sezione opere edite:

  • il colophon o il frontespizio della pubblicazione (autore, titolo, editore o rivista, data di edizione, ecc.)
  • notizie bio-bibliografiche dell’autore o degli autori (non obbligatorie)
  • l’immagine di copertina ed eventualmente della retrocopertina
  • l’opera intera oppure un capitolo o una parte del libro ritenuta significativa ai fini degli obiettivi del concorso. In quest’ultimo caso è consigliato inviare un abstract o una presentazione, l’eventuale introduzione o prefazione all’opera e il sommario.

Per la sezione opere inedite:

  • notizie bio-bibliografiche dell’autore o degli autori (non obbligatorie)
  • l’opera intera oppure un capitolo o una parte del libro ritenuta significativa ai fini degli obiettivi del concorso. In quest’ultimo caso è consigliato inviare un abstract o una presentazione, l’eventuale introduzione o prefazione all’opera e il sommario.

 

L’Associazione Italiana del Libro, in coerenza con le sue finalità, dà il massimo di diffusione alle opere premiate, anche attraverso iniziative nelle scuole, nel mondo della ricerca e dell’università, nelle librerie, nelle biblioteche. Tutti i premi non sono in denaro. Le targhe e i riconoscimenti assegnati vengono tuttavia normalmente integrati con buoni acquisto di libri o premi di altro tipo messi generosamente a disposizione da istituzioni ed enti che collaborano con l’Associazione.

Le opere inedite presentate nell’ambito del Premio vengono valutate e promosse anche ai fini della loro eventuale pubblicazione presso le case editrici associate.

.

Fanno parte della Giuria del Premio

Prof. Giuditta Alessandrini, Pedagogia Sociale, Pedagogia del Lavoro e Pedagogia delle risorse umane e delle organizzazioni, Università degli Studi Roma Tre

  • Giuditta Alessandrini é professore ordinario (Raggruppamento MPED/01) titolare dell’insegnamento di Pedagogia Sociale, Pedagogia del Lavoro e Pedagogia delle risorse umane e delle organizzazioni (nel corso di Laurea  Triennale e Magistrale presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Roma Tre). È Presidente della Laurea Magistrale Interclasse in Scienze Pedagogiche e Scienze dell’Educazione degli Adulti e Formazione Continua. È membro del GLOA (Gruppo di lavoro per l’orientamento in Ateneo), e delegato per i Rapporti con il Consorzio Almalaurea. Ha svolto numerose ricerche negli ultimi venti anni nel campo della formazione degli adulti nelle organizzazioni e della formazione quadri e manageriale (Formazione dei dirigenti scolastici e dei dirigenti d’impresa, dei formatori nelle organizzazioni) che hanno condotto ai risultati pubblicati in alcuni volumi, miscellanee e saggi indicati in calce. Nell’ambito di tale area di studio, ha elaborato modelli di rappresentazione tassonomica dei processi formativi e valutativi e modelli di approccio alla formazione manageriale con particolare riguardo al tema dell’apprendimento dell’innovazione organizzativa; ha contribuito, tra l’altro, ad introdurre nel nostro paese lo studio dei modelli di learning organization. Si è occupata anche dei processi di apprendimento sociale e di comunicazione formativa con particolare riguardo agli ambienti di tecnologia avanzata (e-learning). Un altro focus di ricerca internazionale recente è l’approccio alle Comunità di pratica in ambito organizzativo. Ha svolto attività di ricerca internazionale e coordinato l’unità Roma Tre in alcune ricerche europee (Azione “Progetti Pilota Leonardo da Vinci”) sui temi dell’innovazione tecnologica, dei nuovi scenari del lavoro e di nuovi modelli di apprendimento (sei Progetti europei negli anni 2001-2009). Ha coordinato nel 2006-8 l’unità di ricerca Roma Tre in un Progetto PRIN di interesse nazionale sulla “Qualità nell’alta formazione universitaria” in partnership con altre università. Dirige il CEFORC già denominato LAOC (Centro per lo studio della formazione continua e della comunicazione) del Dipartimento di Studi dei processi formativi, culturali e interculturali nella società contemporanea dell’Ateneo Roma Tre, che svolge attività di servizio e consulenza formativa. È responsabile del Gruppo di lavoro AIF (Associazione italiana Formatori) settore Università, é membro del Comitato scientifico per il Registro HR promosso da AIDP e membro del Comitato Scientifico del progetto TAC della LUISS. Tra le numerose pubblicazioni in volume si segnalano: Pedagogia sociale, Carocci, Roma, 2002; Pedagogia delle risorse umane e delle organizzazioni, Guerini Editore, Milano, 2004; Pedagogia e Formazione nella società della conoscenza, Franco Angeli, Milano, 2002 (Nuova ristampa 2005); Risorse umane e new economy, Carocci, Roma, 2001; Manuale  per l’esperto dei processi formativi, Carocci editore, Roma, 1998 e 2005; Formazione e sviluppo organizzativo, Carocci, Roma, 2005; Comunità di pratica e società della conoscenza, Carocci-Le Bussole, Roma, 2007; Formare al management della diversità. Nuove competenze e apprendimenti nell’impresa, Guerini & Associati, Milano, 2010; Comunità di pratica e Pedagogia del lavoro, Pensa Multimedia, Lecce, 2010/2011; Le sfide dell’educazione oggi. Nuovi habitat tecnologici, reti e comunità, Pensa Multimedia, Lecce, 2012; La formazione al centro dello sviluppo umano. Crescita, lavoro, innovazione, Collana Adapt – Centro Studi Marco Biagi, Giuffrè Editore, Milano, 2013, 7.

Prof. Emanuela Andreoni Fontecedro, Letteratura Latina, Università degli Studi Roma Tre
Professore ordinario  di Letteratura Latina, Università di Roma Tre.

  • Come professore ordinario ha anche ricoperto la cattedra di Grammatica latina ( Università di Salerno e di Roma Tre), come professore associato ( dal 1980)  ha avuto l’insegnamento di Didattica del latino( Università di Roma La Sapienza).Ha ricoperto anche l’insegnamento di Storia della filosofia antica presso l’Università di Roma Tre, e di Cultura greca presso l’Università di Salerno. Vice direttore SSIS Lazio e Coordinatore dell’Indirizzo Linguistico Letterario dal 1999 al 2008. Coordinatore di dottorato di Ricerca presso il Dipartimento di Studi del mondo antico della la medesima Università  dal 2001-2004, docente presso lo stesso dottorato e del dottorato dell’Università di Siena ‘Logos e Rappresentazione. Innovazione e Tradizione’ . Direttore del master  ( Convenzione tra l’Università di Roma Tre e il MPI) per la Formazione professionale degli insegnanti delle classi 43,50, 51, 52  per il 2010-2011; e 2011-20012., 2012-2013 e ,per la stessa Università presidente del TFA delle stesse classi di concorso dal 2012. Finalista del premio Viareggio per la poesia negli anni 1980 :vol. ’Poesie’ ed. Abete e  1984 ‘Le parole cucite’ ed. Laterza e per la saggistica nel 1993 ‘Natura di voler matrigna’ ed. Kepos). Testo di poesie:L’istante, Kepos 2007.Pubblicazioni di testi di poesia per la casa ed. Pagine nel 2012  e nel 2013 ( anche su web). Trasmissioni televisive curate con partecipazione in video : AMOR ROMA ( due serie 1990-2001 ), documentari: Seneca 1997 e Dentro le parole 1996. Seminari  su Leopardi tenuto presso il French and Italian Department dell’Università di Columbus Ohio 1997. Numerose conferenze in Italia e all’estero. Fondatore  e condirettore  della Rivista ‘Aufidus’( rivista di scienza e didattica della cultura classica) dal 1985.

Prof. Gianni Bianco, Dipartimento di economia, Università degli Studi di Torino

  • Docente in ruolo, ora a contratto per pensionamento, di Economia politica e di Istituzioni di Economia presso L’Università di Torino, Facoltà di Scienze Politiche, Facoltà di Scienze Strategiche, presso altre Facoltà ed Istituzioni nazionali, pubbliche e private, per numerosi seminari o momenti di aggiornamento. Sul piano della ricerca si è interessato di vari argomenti legati tra loro dal tema della Crescita economica, pubblicando articoli su numerose riviste scientifiche nazionali, libri presso diversi editori universitari, partecipando a convegni e seminari di studio nazionali ed internazionali. In relazione all’attività editoriale si è occupato dei problemi inerenti il settore e le imprese che vi operano, nonché i problemi relativi alla lettura pubblica, biblioteche e fondazioni, realizzando un rapporto presentato al Salone del libro di Torino del 1992, e successivamente in diverse città italiane,  dal titolo Indagine sull’editoria, (1992), Edizioni della fondazione Agnelli, Torino, con  F. Silva e M. Gambaro.

Prof. Roberto Busi, Dipartimento di Ingegneria Civile Architettura Territorio Ambiente e di Matematica, Università degli Studi di Brescia

  • Roberto Busi, laureato in Ingegneria civile nel Politecnico di Milano, dove è stato assistente e professore associato, ha operato a vario titolo come professore ufficiale nelle Università degli Studi di Milano, Basilicata (dove per due anni ha diretto l’Istituto di Pianificazione Territoriale e Trasporti) e Parma, oltreché nell’Università Politecnica delle Marche. Professore ordinario dal 1987, dall’anno successivo presta servizio sulla cattedra di Tecnica  Urbanistica nella Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Brescia, ove ha diretto per otto anni il Dipartimento di Ingegneria Civile, Architettura, Territorio e Ambiente (DICATA); in tale sede è direttore scientifico del Centro Studi Città Amica (CeSCAm), di cui è stato fondatore nel 1995, e coordina il Dottorato di ricerca in Luoghi e tempi della città e del territorio, che ha fondato nel 2004, con cui sono consorziati il Politecnico di Milano, l’ Universidad Politecnica de Madrid, l’Università Politecnica delle Marche e le l’Università degli Studi di Bergamo, Bologna, Genova, Padova ed Udine. Ha studiato da sempre la città ed il territorio in quanto ad analisi e indirizzo delle fenomenologie, con particolare riguardo alle tematiche ambientali. Dal 1992 ha manifestato specifico interesse scientifico ed operativo per l’ ambiente urbano in rapporto alla riqualificazione degli spazi pubblici scoperti e, più in generale, per i fattori urbanistici che influiscono sulla qualità della vita urbana, soprattutto degli utenti deboli. E’ stato responsabile di molteplici unità di ricerca nazionali ed internazionali (UE, CNR, MIUR, ecc.). Dal 2011 è decano nazionale dei professori di Tecnica e pianificazione urbanistica. E’ autore di duecentottanta pubblicazioni scientifiche.

Prof. Matteo Caroli, LUISS – Libera Università Internazionale degli Studi Sociali Guido Carli (Roma)

  • È ordinario di gestione delle imprese internazionali presso il dipartimento di Impresa e management dell’università Luiss Guido Carli. Svolge attività di ricerca applicata sui temi dell’impresa sostenibile, dei modelli di business per l’espansione internazionale;  politiche e del marketing del territorio. Ha ricoperto vari incarichi in imprese e istituzioni private. Attualmente è presidente dell’Organo di vigilanza di Enel Spa e membro del comitato investimenti dell’SGR Orizzonte. È anche membro dell’organo di indirizzo e controllo del fondo per l’internazionalizzazione presso il MISE. È curatore e co-autore dei testi “Economia e gestione delle imprese” ed “economia e gestione delle imprese internazionali”, giunti rispettivamente alla quarta e seconda edizione; sul tema dell’impresa sostenibile ha recentemente pubblicato sull’international Journal of Technology Management, un lavoro dal titolo: CSR and SME’s competitiveness (con Tantalo C. e Vanevenhoveen J.). Collabora da molti anni con amministrazioni regionali e locali e altre istituzioni nella realizzazione di strategie di marketing territoriale e politiche per lo sviluppo locale sostenibile. Su questi temi ha curato numerose pubblicazioni anche internazionali, tra cui il libro “marketing territoriale”.

Prof. Laura Castellucci, Dipartimento di Economia e Finanza, Università degli Studi di Roma Tor Vergata

  • Sono professore ordinario di Politica Economica, presso l’Università di Roma Tor Vergata, Facoltà di Economia, Dipartimento DEF (Economia e Finanza). Da molti anni mi occupo (insegnamento & ricerca) degli effetti dell’attività umana di produzione e consumo sull’ambiente naturale e la disponibilità di risorse naturali per le generazioni presenti e future. Con 7 miliardi e 400 milioni di abitanti sulla Terra e con aspettative di crescita del PIL pro-capite, l’uso e la gestione delle risorse naturali diventa sempre di più un fatto “globale” che richiede il coinvolgimento/ cooperazione tra i governi di tutti i paesi (sviluppati, in via di sviluppo, in transizione ecc.). Produzione di energia da fonti diverse, cambiamenti climatici, prezzi del petrolio, food security, uso del territorio (soil sealing) e degrado ambientale in generale et al., richiedono l’intervento pubblico a livello nazionale (…il Bel Paese si sgretola) e internazionale, ben disegnato ed efficiente.

Prof. Marcello D’Amore, Elettrotecnica, Università degli Studi di Roma La Sapienza

  • Marcello D’Amore, professore ordinario di Elettrotecnica dal 1980 alla Facoltà di Ingegneria Civile e Industriale della Sapienza, è in quiescenza dal primo novembre del 2012. E’ stato il primo direttore del Dipartimento di Ingegneria Elettrica della Sapienza dalla sua istituzione nel 1983 fino al 1985 e dal 1989 al 1995, primo presidente del Gruppo Nazionale Universitario di Coordinamento di Elettrotecnica dalla sua istituzione nel 1984 fino al 1990, primo presidente del Sottocomitato “Esposizione umana ai campi elettromagnetici di alta frequenza” del Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI) dalla sua istituzione nel 1991 fino al 2001, direttore del Centro Interuniversitario di Ricerca di Compatibilità Elettromagnetica dal 2000 al 2007. E’ stato coordinatore/ricercatore di progetti europei tra il 1994 e il 2013 e di numerosi progetti di ricerca finanziati dal MIUR, dal CNR, da ISPRA e da varie industrie nazionali. Ha fondato nel 1994 EMC Europe-International Symposium on Electromagnetic Compatibility. E’ stato Editor-in-Chief  dei Transactions on Electromagnetic Compatibility-Institute of Electrical and Electronics Engineers (IEEE) dal 2000 al 2003. Per meriti scientifici ha ricevuto nove premi  a livello internazionale. E’ Fellow IEEE dal 1990, life Fellow dal 2009. E’ autore di oltre centocinquanta articoli scientifici pubblicati in qualificate sedi internazionali su tematiche di compatibilità elettromagnetica e di nanotecnologia, dei libri “Elettrotecnica”, “Elementi di Elettrotecnica” e  “Compatibilità Elettromagnetica”, Ed. Ingegneria 2000, e del romanzo “I fantasmi di San Pietro in Vincoli”, Ed. BookSprint.

Prof. Sebastiano D’Urso, Architettura e Composizione Architettonica, Università degli Studi di Catania

  • Sebastiano D’Urso, ricercatore universitario, è docente dei corsi di Architettura e Composizione Architettonica del Dipartimento di Architettura e coordinatore scientifico della area Compositiva del Laboratorio di Progettazione del Paesaggio Urbano e della Mobilità dell’Università degli Studi di Catania. Tra le sue principali pubblicazioni: Riflessioni sull’architettura. Per un ripensamento nell’epoca della sua presunta crisi, Bonanno, Acireale-Roma (2012); “Beyond the lightness” in Josep Mias, iGuzzini. Barcelona corporate building, Actar, Barcelona (2012); “Stili innocenti e linguaggi allusivi in architettura” in S. D’Urso, D. Miccione (a cura di), Singolarità e formularità. Saggi per una teoria generale dello stile, Ipoc, Milano (2011); Il senso dell’abitare contemporaneo. 1 La casa unifamiliare, Maggioli, Rimini (2009); Barcellona. Lo spazio pubblico tra infrastrutture e paesaggio, CLUP, Milano (2005).

Prof. Barbara De Angelis, Didattica e pedagogia speciale e Pedagogia della marginalità e della devianza minorile, Università degli Studi Roma Tre

  • Barbara De Angelis é professore associato titolare degli insegnamenti di Didattica e pedagogia speciale e Pedagogia della marginalità e della devianza minorile (nel corso di Laurea  Triennale e Magistrale presso il Dipartimento di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi – Roma Tre). E’ membro del Collegio dei docenti del Dottorato di ricerca in Pedagogia presso l’Università Roma Tre, membro del Collegio dei Docenti della Scuola Dottorale dell’Ateneo e delegato del Corso di Laurea Educatore professionale di Comunità (EPC) per l’orientamento. E’ inoltre responsabile del Laboratorio di  Educazione permanente. Ha diretto la sua attività scientifica sia verso l’ambito della ricerca teorica, sia verso quello della progettazione didattico-pedagogica, approfondendo numerosi temi di indagine dei quali preme mettere in evidenza quelli legati alle nuove emergenze educative. In particolare: la ricerca operativa e pragmatica orientata verso gli sviluppi educativi delle nuove emergenze sociali e culturali (Pedagogia della marginalità, Disability Studies, Bisogni educativi Speciali); e la dimensione relazionale e comunicativa dell’azione educativa, tema che rappresenta uno degli ambiti permanenti delle sue ricerche indirizzate anche all’approfondimento della dimensione propria della didattica speciale. La sua attività di ricerca è documentata da numerosi volumi, saggi e articoli tra cui si ricordano le ultime pubblicazioni: Progettualità educativa e qualità pedagogica. Una antologia di testi, 2011; Tra reale e irreale. Giovani ai margini, 2012; L’ascolto atto cosciente e virtù civile. Riflessioni educative, 2013. Ha partecipato a numerosi  progetti   di   ricerca  di interesse nazionale (PRIN) sulla teorizzazione e progettazione pedagogica di percorsi formativi e sulla costruzione di modelli teorici. Per quanto riguarda l’attività di ricerca internazionale, collabora da molti anni con il Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università degli Studi di Alicante (Spagna), sui temi delle intelligenze personali e della  competenza creativa degli educatori e degli insegnanti. Attualmente è responsabile e coordina il progetto triennale “Formazione dei docenti  delle scuole superiori albanesi in una prospettiva europea”, finalizzato all’aggiornamento e perfezionamento pedagogico-sperimentale dei docenti albanesi e finanziato dal Ministero degli Affari Esteri. Dirige la collana editoriale INTERFACE presso l’Editore Anicia di Roma e dal 2012 è stata eletta nella Giunta del CAFIS (Centro di Ateneo per L’Alta Formazione) come rappresentante dei SSD pedagogici ed esponente del Dipartimento di Scienze della Formazione. E’ docente nel Master  universitario sui DSA, nel quadro degli specifici accordi tra il MIUR, l’Ufficio Scolastico Regionale e le Facoltà di Scienze della Formazione presenti nel territorio della regione Lazio. E’ docente nel TFA (Tirocinio Formativo Attivo) per il settore pedagogico dell’Ateneo Roma Tre. Coordina il Master di I livello Percorsi dello storytelling. Teorie, tecniche e contesti delle narrazioni.

Dr. Mariastella Eisenberg

  • Mariastella Eisenberg nata a Napoli, laureata in Lettere e Filosofia alla Federico II, vive tra S.Agata de’ Goti e Caserta; ha collaborato a diverse riviste, quali “SUD” (componente Comitato di Redazione), “Fresco di Stampa” e “Il Caffè”; occasionalmente su testate locali, è membro del direttivo di Spazio Donna. Ha fondato e coordinato un gruppo di lettura e di scrittura creativa nel carcere di Lauro per la Fondazione Premio Napoli. Pubblicazioni: Perché ancora i Promessi Sposi Marimar – Napoli, 1989 / Sara, Guida – Napoli, 2005 / Andare oltre, Sud n.11 Lavieri – Caserta, 2008 / Negozio, Sud n.13 Lavieri – Caserta, 2008 / Carovita, Lettere arti scienze – Caserta, 2009 / Nelle città come Napoli,Narrazioni periodico di cultura, 2009 / Chiedi alle mani, Sovera – Roma, 2009 / Alfabetando, L’Aperia – Caserta, 2011 / Cantico della parola Svelata, Compagnia dei Trovatori – Napoli 2013 / Madri vestite di sole, Interlinea editore – Novara 2013. Poesie e racconti sono presenti in antologiche. Nella sua veste professionale di Dirigente Scolastico ha presieduto numerose commissioni di Corsi abilitanti e di Concorsi a cattedra sia per Materie letterarie che per altre discipline, ad esempio Materie Giuridiche, Discipline informatiche ed altre.

Dr. Marina Galeazzi

  • Conseguita la laurea in architettura, a Roma, lavora per circa un decennio come libero professionista in ambito professionale nazionale e internazionale, nei settori del paesaggio urbano, del restauro, dei beni culturali e del patrimonio edilizio e naturalmente dell’architettura in senso lato. Contemporaneamente matura una significativa esperienza nel settore artistico teatrale, come assistente scenografa e costumista. Degna di rilievo l’esperienza professionale – manageriale maturata nell’ambito di programmi di collaborazione internazionale tra università e professionisti di paesi terzi del mediterraneo, mirati al trasferimento di Know- how nel settore della conservazione del paesaggio mediterraneo e del turismo. Le circostanze concrete, caratterizzate dal continuo processo di contaminazione reciproca delle esperienze maturate nel tempo, hanno poi gradualmente orientato il percorso professionale progettuale – e spiccatamente creativo – in una direzione sempre più manageriale, arrivando a gestire progetti e programmi di notevole entità e complessità sia in termini di risorse umane che economiche, non necessariamente ascrivibili al mondo dell’architettura e dell’ingegneria, in ruoli di significativa responsabilità e rappresentatività. Direttore del settore progettazione programmazione ed esecuzione delle opere pubbliche di Ente locale con gestione diretta di risorse umane e finanziarie. 3400 dipendenti, budget delle OOPP nell’ordine dei 500 milioni euro/ anno. Direttore del Ufficio di Gabinetto del Sindaco del Comune di Catania, con responsabilità dei programmi di finanziamento e sviluppo territoriale dell’Ente oltre che istituzionali e diplomatiche. Progettista e Direttore dei lavori di importanti opere pubbliche nel settore della riqualificazione urbana e del restauro dei beni culturali (nell’ordine dei 20 Milioni di euro) di cui acquisisce i finanziamenti partecipando a bandi di selezione europei. Pubblica due libri su tali esperienze.

Prof. Antonio Lucio Giannone, Dipartimento di Studi Umanistici, Università del Salento (Lecce)

  • Antonio Lucio Giannone è professore ordinario di Letteratura italiana contemporanea presso il Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università del Salento. Ha svolto attività didattica e di ricerca in qualità di borsista (dal 1973 al 1974)  e in qualità di contrattista (dal 1974 al 1978) presso la cattedra di Storia della letteratura italiana moderna e contemporanea della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Lecce. Dal 1978 al 1985 è stato assistente ordinario presso la medesima cattedra. Dal 1985 al 2001, in qualità di docente associato, ha ricoperto la cattedra di Storia della critica e della storiografia letteraria presso la medesima Facoltà. Dal 2004 al 2010 è stato Vice-preside della Facoltà di Lettere e Filosofia. Dal 2010 è Coordinatore del Dottorato in Letterature e Filologie dell’Università del Salento. Fa parte del Consiglio direttivo della MOD (Società Italiana per lo Studio della Modernità letteraria). È membro dell’ADI (Associazione degli Italianisti italiani) e del CIRM (Centro Interuniversitario Ricerche della Modernità – Università di Bari, sede amministrativa). Fa parte del Comitato scientifico delle seguenti riviste: “Otto/Novecento”, “OBLIO” (Osservatorio Bibliografico della Letteratura Italiana Otto-novecentesca), “Critica letteraria”, “Annali d’Italianistica”.  È presidente del Centro Studi “Sigismondo Castromediano e Gino Rizzo” (Cavallino di Lecce) e del Comitato scientifico del Centro Studi “Vittorio Bodini” (Lecce). Dirige le seguenti collane: “Contemporanea” (Edizioni Milella Spazio Vivo, Lecce); “Bodiniana” (Edizioni Besa, Nardò); “Novecento da leggere” (Lupo Editore, Copertino di Lecce). I suoi principali filoni di ricerca riguardano: la poesia italiana del Novecento; il futurismo; la cultura letteraria meridionale dell’Ottocento e del Novecento; il rapporto tra letteratura e arte; l’opera di Vittorio Bodini, del quale ha curato alcune raccolte di scritti dispersi (Corriere spagnolo, 1989; Barocco del Sud, 2003). Oltre a numerosi saggi in rivista, ha pubblicato i seguenti volumi: Bodini prima della “Luna” (1982), Tradizione e innovazione nella poesia italiana del Novecento (1983), La “permanenza” della poesia (1989), Futurismo e dintorni (1993), Scrittori del Reame (1999), L’avventura futurista (2002), Le scritture del testo. Salentini e non (2004), Modernità del Salento. Scrittori, critici, artisti del Novecento e oltre (2009). Recentemente ha curato il volume Michele Saponaro cinquant’anni dopo (2011).

Prof. Antonio Gloria, Istituto per i Materiali Compositi e Biomedici, Consiglio Nazionale delle Ricerche e Università degli Studi di Napoli Federico II

  • Antonio Gloria è nato a Napoli il 20 Novembre del 1976. Ha conseguito una laurea in Ingegneria dei Materiali ed un Dottorato di ricerca in “Ingegneria Chimica, dei Materiali e della Produzione” presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Ha collaborato con il dipartimento di “Polymer Chemistry and Biomaterials”, University of Twente, The Netherlands, dove ha trascorso un periodo durante il suo percorso di dottorato e dal 2003 a tutt’oggi ha svolto attività didattica in numerosi corsi accademici presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” e la Seconda Università di Napoli. È membro della European Society for Biomaterials (ESB), della Società Italiana di Biomateriali (SIB), dell’American Chemical Society (ACS), dell’Associazione Italiana Magnetismo (AIMagn), full member dell’American Nano Society.  È ricercatore presso il Consiglio Nazionale delle Ricerche (Istituto per i Materiali Compositi e Biomedici), Professore di “Tecnologie dei Polimeri” presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” per l’anno accademico 2013/2014, è stato Professore di “Biomateriali” e Presidente in commissioni di esame di “Tecnologia dei Biomateriali” presso l’Università di Catanzaro “Magna Graecia”, Professore di “Organi Artificiali e Protesi” e di “Scienza e Tecnologia dei Materiali” presso l’Università degli Studi di Napoli “Federico II”. Nel mese di Maggio 2011 è stato nominato Associate Member e Visiting Professor presso il “Centre for Rapid and Sustainable Product Development” (CDRSP), Polytechnic Institute of Leiria, Portogallo. È coinvolto, già da diversi anni, in numerosi progetti nazionali e internazionali. Chairman in congressi internazionali, ha svolto lezioni su invito anche presso Istituti e Atenei europei, ha ricevuto, come coautore, il Best Paper Award conferito dalla commissione organizzatrice della 4th International Conference on Advanced Research in Virtual and Rapid Prototyping (VR@P), Ottobre 2009, Leiria, Portogallo. Coinvolto in commissioni di laurea e dottorato presso Atenei nazionali ed europei, è stato ed è supervisor/tutor di laureandi e dottorandi. La sua ricerca è principalmente focalizzata su: preparazione e caratterizzazione di dispositivi in materiale polimerico e composito, sviluppo ed ottimizzazione dei processi relativi alla loro progettazione; caratterizzazione chimico-fisica e meccanica delle diverse categorie di materiali utilizzate nell’ambito della progettazione strutturale e funzionale (metalli, polimeri, ceramici, compositi); caratterizzazione di tessuti naturali soffici e duri, correlando le loro proprietà con la struttura ai diversi livelli di organizzazione; progettazione e caratterizzazione di scaffold polimerici e di scaffold compositi a matrice polimerica per l’ingegneria dei tessuti ottenuti tramite tecniche “convenzionali”e di prototipazione rapida; design di protesi avanzate. Autore di numerose pubblicazioni su riviste scientifiche nazionali e internazionali, capitoli di  libri e contributi in congressi nazionali e internazionali, revisore e membro dell’Editorial Board di alcune riviste scientifiche internazionali.

Dr. Domenico Ienna, Università degli Studi di Roma La Sapienza

  • Antropologo e giornalista, si occupa di culture antiche e moderne italiane ed estere (Roma antica, Lazio, Cilento e area mediterranea relativamente al folklore, al mondo magico, alle ricorrenze calendariali, alla comunicazione, all’alimentazione e all’Etnoastronomia), con libri (tra cui ‘Fascino’ letale. Malocchio, fatture e dintorni; vincitore del Premio “Costa del Cilento” 2003), saggi, contributi radio-televisivi (Rai, Telemontecarlo, Sky, ecc.), conferenze didattiche (Accademia di Belle Arti di Roma; corso di giornalismo, ecc.) e congressuali (U.A.I.-Unione Astrofili Italiani; S.I.A.-Società Italiana di Archeoastronomia; A.I.S.E.A-.Associazione Italiana per le Scienze Etnoantropologiche), articoli/reportages (Il Giornale, Il Tempo, La Repubblica e supplementi, ecc.). In campo letterario – oltre alla pubblicazione della raccolta poetica Specularia (1988) e alla presenza in varie antologie (Fondazione Moravia, Pagine, ecc.) – è risultato tra i vincitori dei Premi “Rabelais” 1997 (Cingoli) e “Insula Romana” 2009 (con lirica in lingua latina, Bastia Umbra). Ha fondato (1994, 1999) e dirige infine la rivista interdisciplinare “Cammin di nostra vita. Progetti e percorsi esistenziali tra scienze, arte e letteratura”.

Prof. Alberto Lanzavecchia, Dipartimento di scienze economiche e aziendali, Università degli Studi di Padova

  • Professore aggregato di “Finanza aziendale e finanza strategica” presso la Facoltà di Economia (al primo posto nella classifica Censis-La Repubblica ininterrottamente dal 2005) e ricercatore in finanza aziendale. Si occupa di economia civile e finanza etica, in particolare di investimenti socialmente responsabili e microcredito nei Paesi in via di sviluppo, dove trascorre diversi periodi di permanenza per lavoro di ricerca e per vacanza. In precedenza ha lavorato in banca e presso società di consulenza manageriale. Socio WWF (dal 1987), CAI-SAT (dal 1989), ARCI (dal 2009), Amici della Biblioteca Palatina di Parma (dal 2011), LILT sezione di Parma e Università Popolare di Parma (dal 2011) delle quali è anche membro del collegio dei revisori dei conti.

Prof. Lisa Lanzoni, Università degli Studi di Verona

  • Lisa Lanzoni, nata a Verona il 2 luglio 1978, laurea in Giurisprudenza e Dottorato in Diritto costituzionale italiano ed europeo presso l’Università degli Studi di Verona. Docente a contratto nell’ambito del settore delle discipline pubblicistiche presso le Facoltà di Economia e Commercio e Scienze della Formazione di Verona. I principali temi di ricerca sono lo sviluppo dei territori regionali, la cooperazione transfrontaliera tra i territori, i meccanismi di democrazia partecipativa, la tutela dei diritti fondamentali nelle situazioni di emergenza. Di recente interesse è l’approfondimento della tematica relativa ai diritti dei bambini, in Italia e in Europa.

Dr. Paola Magnaghi Delfino, Dipartimento di Matematica, Politecnico di Milano

  • Dopo aver frequentato il liceo scientifico, si è laureata in Matematica presso l’Università degli Studi di Milano nel 1976. Dal 1 novembre 1981 lavora al Politecnico di Milano come ricercatore confermato. Nell’attività di docenza universitaria ha tenuto insegnamenti di Analisi Matematica I, II e di Fondamenti di Matematica e di Istituzioni di Matematica nella sede di Milano. Fa parte del laboratorio di Didattica Sperimentale FDS del Dipartimento di Matematico “F.Brioschi”. Si dedica anche alla divulgazione matematica attraverso consulenza a spettacoli teatrali, che la vedono anche presente sul palco al termine dello spettacolo per chiarimenti di contenuto scientifico. Nel 2012, in collaborazione con Alessandra Angelini, dell’Accademia delle Belle Arti di Brera, e con Tullia Norando del laboratorio FDS, ha progettato e realizzato il progetto artistico-didattico “Lezione di Galileo Galilei sulla struttura dell’Inferno” rivolto agli studenti del corso di Grafica d’Arte della prof. Angelini

Prof. Gaetano Magro, Dipartimento G.F. Ingrassia Anatomia Patologica, Università degli Studi di Catania

  • Professore Associato di Anatomia Patologica presso la Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Catania, autore di 200 pubblicazioni su riviste internazionali nel campo della patologia umana, soprattutto neoplastica. Esperienze letterarie: “Fontana delle ore” (silloge poesia) (A&B editrice 2001). “Non sbagliò il vento” (silloge poesia) (Libroitaliano 2002). “Impermanenza” (silloge poesia) (Edizioni Il Giornale di Scicli 2005). “Il mare metafisico di Punta Corvo” (Romanzo) (Manni Editore 2005). “Il verso cancellato” (silloge poesia in antologia) (BelAmi edizioni 2010). “Il glomerulo di sale” (silloge poesia in antologia) (Fara Editore 2010). “Le lumache mediocri” (silloge poesia) (LietoColle 2010). “Il batterio del tempo” (silloge poesia in antologia) (Fara Editore 2011). “Formalina” (Romanzo) (Fara Editore 2013). E’ pubblicato in antologie poetiche edite da diverse case editrici (LietoColle; Giulio Perrone; Ibiskos; La vita felice). Vincitore premio nazionale “Pubblica con noi 2010”-Fara Editore. Finalista premio Inedito Colline di Torino 2011. Finalista per opera edita premio Contini Bonaccossi 2011. Segnalazione di merito premio “Renato Giorgi” 2011. Finalista premio Inedito Colline di Torino 2013. Vincitore premio nazionale poesia “Città di Chiaramonte Gulfi” 2013

Prof. Alberto Malatesta, diritto internazionale , Università Carlo Cattaneo – LIUC (Castellanza, VA)

  • Alberto Malatesta è professore ordinario di diritto internazionale presso la Scuola di Diritto dell’Università Carlo Cattaneo-LIUC di Castellanza (VA) e insegna International Business Law nell’ambito del corso dottorato di “Diritto Internazionale dell’economia” presso l’Università Bocconi di Milano. E’ autore di numerose pubblicazioni in materia e nel campo del diritto dell’Unione europea. Esercita la professione di avvocato in Milano, con particolare attenzione alle controversie di carattere internazionale. Ha esperienza di negoziati internazionali per conto del Ministero degli affari esteri italiano.

Prof. Antonino Margagliotta, Dipartimento di Architettura, Università degli Studi di Palermo

  • Antonino Margagliotta, ingegnere architetto e dottore di ricerca, è professore associato di Composizione Architettonica e Urbana. Insegna presso il Corso di laurea in Ingegneria edile – Architettura di Palermo e il Corso di laurea in Architettura di Agrigento. Negli ultimi anni la sua attività di ricerca si è incentrata sul tema degli spazi per la cultura nella città contemporanea e sullo studio delle interferenze tra composizione architettonica e altre discipline compositive di confine. Ha partecipato a numerose ricerche finanziate (PRIN, di Ateneo, regionali) in qualità di responsabile e coordinando gruppi di lavoro; molte ricerche hanno dato luogo a pubblicazioni e/o a presentazione dei risultati in convegni nazionali e internazionali; ha organizzato e diretto workshop e seminari di progettazione architettonica, attivando una proficua collaborazione tra Università ed Enti territoriali. È autore di saggi, articoli e monografie sul progetto di architettura. Tra i suoi libri: Connessioni. Progetti e concorsi di architettura (Zedi Italia, 1999), Progetto e Costruzione (Ila Palma, 2003), Le forme del dialogo (Abadir, 2006), Aesthetics for living (Libria, 2010). Suoi lavori di architettura hanno ricevuto riconoscimenti e sono stati pubblicati in riviste specializzate (tra cui AbitareAlmanacco di CasabellaCasabellaCostruireIl Giornale dell’Architettura, L’industria delle costruzioniParametro).

Prof. Pietro Maturi, Dipartimenti di Scienze sociali e di Studi umanistici, Università degli Studi di Napoli Federico II

  • Pietro Maturi è nato a Napoli nel 1957. Ha conseguito la laurea in Lettere moderne all’Università di Napoli Federico II con tesi in Linguistica generale e il dottorato di ricerca in Linguistica romanza all’Università di Heidelberg con tesi in Dialettologia campana. È docente di Linguistica italiana presso il Dip. di Scienze sociali e il Dip. di Studi Umanistici della Federico II. Ha pubblicato numerosi volumi e articoli in ambito fonetico, dialettologico e sociolinguistico.

Prof. Trinis Antonietta Messina Fajardo, Università degli Studi di Enna Kore

  • È Ricercatrice di Letteratura spagnola la Facoltà di Scienze Umane e Sociali dell’Università degli Studi di Enna”Kore”. La sua attività di ricerca si è incentrata prevalentemente verso lo studio della Letteratura picaresca. In questo ambito ha prodotto due volumi: La picardía del nombre. Onomástica, lazarillos, literatura, Acireale, Bonanno editore, 2008; El pesimismo en la picaresca. El caso  del Guitón Onofre, Acireale, Bonanno editore, 2008. Parallelamente si è anche occupata delle opere e del pensiero ideologico di Galdós. Un altro filone del impegno scientifico ha riguardato l’ onomastica letteraria, producendo alcuni lavori tra i quali: “Note sull’onomastica galdosiana. Antroponimi in Marianela”, in Il nome nel testo. Rivista Internazionale di Onomastica letteraria, Pisa, Edizioni ETS, XI, 2011, pp. 397- 407; e “Nombres y símbolos en Marianela de Benito Pérez Galdós”, in Castilla. Estudios de Literatura, 1, Univ. de Valladolid, Dep. de Literatura Española y Teoría de la Literatura, 2010, pp. 72-90. Di recente ha rivolto il suo interesse verso la  presenza dei miti classici nella letteratura moderna e contemporanea, in particolare sulla figura di Alceste  e le sue riscritture. In questo campo ha pubblicato Alceste (ed. bilingue), Roma, Edizioni Nuova Cultura (Collana Iberica), Vol. 2, 2010, pp. 200. Durante la sua lunga attività didattica si è occupata di tematiche connesse all’insegnamento/apprendimento dello spagnolo come L2. L’esito di questo esercizio è stata la stesura (in collaborazione) di un  manuale di Lingua Spagnola per studenti italiani.

Prof. Carlo Minnaja, Università degli Studi di Padova

  • Carlo Minnaja (Roma 1940), laureato in Scienze Matematiche a Pisa e in Storia a Ca’ Foscari è professore associato alla Facoltà d’Ingegneria a Padova, professore ordinario di Matematica Applicata all’Accademia Internazionale delle Scienze a San Marino, e professore onorario all’Università Statale di Sibiu (Romania). Ha studiato alla Scuola Normale Superiore di Pisa, è stato professore visitatore al Politecnico della Virginia e all’Università di California. I suoi campi di ricerca sono l’applicazione della matematica a varie scienze del linguaggio, dalla linguistica alla fonetica, alla traduzione automatica, nonché la storia della matematica. È autore di oltre 80 pubblicazioni scientifiche e didattiche, tra le quali 10 libri. Esperto di lingue pianificate, ha scritto numerosi articoli di storia e critica letteraria e ha prodotto oltre 200 traduzioni in esperanto dalla letteratura italiana. Dal 2000 si occupa anche di storia della scienza e in particolare di storia della matematica. E’ coautore di una storia dei matematici dell’università di Padova (2008) e di una raccolta di traduzioni dal latino, commentate, di Cardano (2010). Collaboratore di varie riviste scientifiche e letterarie internazionali; socio fondatore dell’Associazione Italiana per l’Intelligenza Artificiale, della Società Italiana di Storia della Matematica e della Società Italiana per la Matematica Applicata e Industriale. Membro del Consiglio Scientifico dell’Istituto di Linguistica Computazionale del Consiglio Nazionale delle Ricerche (1979-1994). Nel 1990 ha vinto il Premio della Cultura della Presidenza del Consiglio, nel 1996 il Premio “Capestrano” della Regione Abruzzi e nel 1997 il premio dell’Accademia Internazionale delle Scienze per la migliore opera scientifica.

Prof. Bruno Moncharmont, Dipartimento di Medicina e Scienze della salute, Università degli Studi del Molise

  • È nato a Napoli nel 1952, dove ha conseguito la laurea in Medicina e Chirurgia nel 1978. Dopo la laurea ha svolto attività di ricerca scientifica in campo biomedico in numerosi istituti di ricerca ed università in Italia ed all’estero per oltre un decennio(Burroughs Wellcome Co., Research Triangle Park, NC, U.S.A; INSERM U33, Université de Paris-Sud, Bicêtre, Francia; Friedrich Miescher-Institut, Basilea, Svizzera; The Netherlands Cancer Institute “Antoni van Leeuwenhoek Huis”, Amsterdam, Paesi bassi; WHO Collaborating Center for Research in Human Reproduction, University of Oulu, Finlandia). È professore di ruolo a tempo pieno nell’Università dal 1988 e Professore ordinario di Patologia generale dal 2000. Attualmente afferisce Dipartimento di Medicina e di scienze della salute della Università degli studi del Molise a Campobasso, dove ricopre anche l’incarico di Presidente del Corso di laurea in Medicina e chirurgia e di Presidente del Presidio della qualità dell’Ateneo. È autore di oltre 50 pubblicazioni su riviste internazionali su ricerche svolte nel campo della endocrinologia ed oncologia molecolare ed ha coordinato la pubblicazione di un testo universitario di Patologia generale.

Prof. Enrica Neri, Università Cattolica del Sacro Cuore

  • Ricercatrice, docente dei corsi di “Storia Contemporanea: Geografie e Società”,  “Storia delle Istituzioni Pubbliche Comparate” e  “La cooperazione allo Sviluppo: Modelli Istituzionali” della facoltà di Scienze Politiche dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Membro del Collegio della Scuola di Dottorato in Istituzioni e Politiche . L’attività scientifica riguarda principalmente la storia delle Istituzioni europee e italiane. In particolare mi sono occupata del ruolo politico/finanziario dei banchieri genovesi all’interno del sistema di potere della monarchia asburgica di Spagna nei secoli XVI e XVII. Un secondo settore di ricerca riguarda le istituzioni politiche e amministrative dell’Italia fascista. Da alcuni anni mi occupo anche del ruolo delle istituzioni nelle attività di Cooperazione internazionale allo Sviluppo.

Prof. Gianni Nuti, Lettere Moderne, Psicologia, Università della Valle d’Aosta (Aosta)

  • Musicista, pedagogista, musicologo, è laureato con lode in estetica con Enrico Fubini all’Università degli studi di Torino, diplomato a pieni voti in chitarra al Conservatorio di Alessandria e dottore di ricerca in psicologia cognitiva e sperimentale all’Università Paris X Nanterre. Si occupa di didattica e psicologia della musica, è ricercatore e professore aggregato di Didattica Generale presso l’Università della Valle d’Aosta, dove ha insegnato anche Metodologia del gioco di ruolo e tecniche di animazione e Psicologia della Musica. Ha fondato e diretto dal 2003 al 2008 la Scuola SFOM, di Formazione e Orientamento Musicale della Fondazione Istituto Musicale della Valle d’Aosta che oggi conta oltre 700 allievi e numerosi progetti di formazione superiore finanziati dal Fondo Sociale Europeo. E’ stato presidente della Fondazione Istituto Musicale della Valle d’Aosta dal 2008 al febbraio 2011. Attualmente è Dirigente della struttura Politiche Sociali nell’Assessorato alla Sanità, Salute e Politiche Sociali della Regione Autonoma Valle d’Aosta. Autore di numerose pubblicazioni e contributi in numerosi congressi internazionali di pedagogia, didattica e psicologia della musica. Tiene corsi, conferenze e corsi di formazione e aggiornamento in tutta Italia e in Europa per università, enti di ricerca, associazioni culturali e scuole.

Prof. Alessio Persic, Lettere e Filosofia, Università Cattolica del Sacro Cuore

  • Nato nel 1952 a Udine, dove risiede con la famiglia, ha compiuto gli studi storici e letterari classici alla Scuola Normale Superiore di Pisa e all’Università di Trieste, laureandosi in Storia Greca con Filippo Càssola. Già professore di ruolo presso i Licei Classici, è dal 1980 ricercatore di Letteratura Cristiana Antica al Dipartimento di Scienze Religiose dell’Università Cattolica di Milano, quindi professore aggregato di Agiografia, di Storia della Chiesa Antica e di Patrologia presso la Facoltà di Lettere e Filosofia e l’I.S.S.R. del medesimo Ateneo. Ha inaugurato l’insegnamento della Letteratura Cristiana Antica presso l’Università del Friuli, reggendolo fra il 1998 e il 2000. Socio ordinario dell’Istituto di storia sociale e religiosa di Gorizia dal 2008, è stato coordinatore scientifico e organizzatore, insieme a Pierfranco Beatrice e per conto del “Comitato nazionale per il XVI centenario della morte di San Cromazio vescovo di Aquileia”, del Congresso Internazionale di Studi Chromatius of Aquileia and His Age (Aquileia, 22-24 maggio 2008). Si occupa prevalentemente di scrittori greci cristiani dei secoli II-V e dei loro rapporti con la tradizione letteraria classica, non tralasciando tuttavia la latinità cristiana di Aquileia e del Friuli altomedievale.

Prof. Francesco Perticone, Department of Medical and Surgical Sciences, Università degli Studi Magna Græcia di Catanzaro

Prof. Roberto Provenzano, Libera Università di Lingue e Comunicazione – IULM (Milano)

  • Laureato in Lingue e letterature straniere presso la IULM, ha seguito corsi di regia in Italia e all’estero e, dopo una breve esperienza come documentarista, si è dedicato all’insegnamento della storia e del linguaggio del cinema. Direttore del C.F.P. di Tecniche Cinetelevisive di Milano dal 1987 al 1997 (presso il quale insegnava già dal 1978), negli stessi anni ha insegnato in molti corsi di Formazione Professionale (RAI, Mediaset ecc.), organizzato rassegne e convegni (astrattismo, video arte, H.D. TV) e iniziato la sua collaborazione con la IULM, prima come professore a contratto e in seguito come docente incardinato. Parallelamente aveva insegnato History of Italian Cinema presso la sezione italiana di Firenze della California State University dal 1986 al 1997 e presso l’Institute for the International Education of Students (I.E.S) di Milano dal 1997 al 2003. Inoltre, ha tenuto numerose conferenze in Italia e all’estero, fra cui: Elio Petri and the Political Movie, presso l’Istituto Italiano di Cultura di Washington. Diverse le sue pubblicazioni. Dal 1/11/2013 è in pensione.

Prof. Giovanni Puglisi, Rettore, Libera Università di Lingue e Comunicazione – IULM (Milano)

  • Nato a Caltanissetta nel 1945, è il Rettore della Università IULM di Milano dal 2001 e il Presidente della Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO. E’ iscritto all’Ordine dei Giornalisti dal 1972. Professore ordinario di Storia della Filosofia dal 1974, è stato Preside della Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Palermo (1979 – 1998) e Presidente della Conferenza dei Presidi delle Facoltà di Scienze della Formazione Italiane (1983 – 1998). Dal 1993 è titolare della Cattedra di Letterature Comparate. Dal 1998 si trasferisce nella Facoltà di Scienze della Comunicazione, Relazioni pubbliche e pubblicità della Libera Università di Lingue e Comunicazione IULM di Milano. Dal 2009 è Vice Presidente della Conferenza dei Rettori delle Università italiane. Dal 2005 presiede la Fondazione Sicilia (già Fondazione Banco di Sicilia). Autore di numerose pubblicazioni, ha dedicato i suoi interessi scientifici all’estetica, alla filosofia e alla critica letteraria.

Prof. Luigino Rossi, Università degli Studi di Salerno

  • Nato a Vallo della Lucania (SA) nel 1948 è professore ordinario di Storia Contemporanea presso la Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Salerno e supplente di Storia degli Stati Uniti d’America, di Storia delle Relazioni Internazionali, Storia della Chiesa. Laureatosi nel 1973 in Lettere e Filosofia, discutendo una tesi sul meridionalismo di Luigi Sturzo, nel febbraio del 1982 è stato nominato ricercatore confermato presso la Facoltà di Giurisprudenza, Corso di laurea in Scienze Politiche, dell’Università di Salerno. In seguito alla vincita di concorso, con decorrenza 1 novembre 1992 è stato nominato professore associato di Storia Contemporanea presso la stessa Facoltà, dove come supplente ha insegnato anche Storia del Risorgimento. Vincitore del concorso di ordinario per il settore disciplinare M04X (Storia Contemporanea) conclusosi il 22 dicembre 2000, il 29 gennaio 2001 è stato chiamato dalla Facoltà di Scienze Politiche sulla cattedra di Storia Contemporanea. Dall’inizio degli anni Ottanta ha studiato le problematiche socio-economiche, culturali e socio-politiche delle aree comprese nel perimetro del Parco del Cilento e del Vallo di Diano, affrontando gli aspetti ambientali, demografici, economici, sociali e politico-amministrativi, argomenti analizzati nella loro specificità ed anche come esemplificazione delle dinamiche complessive relative alle aree marginali del Mediterraneo. In seguito, i suoi interessi di studio si sono rivolti al rapporto tra Italia e Stati Uniti, in particolare durante la Seconda Guerra Mondiale, con analitiche ricerche presso gli Archivi Nazionali di Washington. Ha analizzato anche problemi connessi all’imperialismo statunitense e si è interessato anche delle tematiche connesse alla circolarità delle élite ed alla formazione del ceto dirigente in Italia con particolare riferimento ai gruppi nobiliari – sia i vertici aristocratici, sia i patriziati cittadini e la nobiltà provinciale nel Mezzogiorno. Ha inoltre approfondito sia le tematiche sociali e politico-amministrative del Mezzogiorno d’Italia in età contemporanea, sia problematiche più ampie connesse agli aspetti istituzionali, politici ed economici dell’Italia nel concitato periodo della guerra fredda. Oltre a numerosi articoli su riviste specializzate, ha pubblicato il corso di lezioni tenute sulla guerra fredda e le dinamiche interne di Russia e Stati Uniti. È stato rappresentante dell’Università di Salerno presso il Consiglio di Amministrazione del Parco Nazionale del Cilento dal 1997 al 2001, partecipando a numerosi convegni scientifici, svolgendo la funzione di presidente della Commissione Cultura. È stato presidente dell’Area didattica di Scienze Politiche della Facoltà di Scienze Politiche. È membro del consiglio direttivo della Società Salernitana di Storia Patria e della direzione della rivista “Rassegna Storica Salernitana”, direttore scientifico della rivista “Annali Storici di Principato Citra”. Fa parte del comitato direttivo dell’Istituto di Studi Latinoamericani “I.S.LA.”. È Preside della Facoltà di Scienze Politiche.

Prof. Vincenzo Sapienza, Architettura Tecnica, Università degli Studi di Catania

  • È  professore associato presso Ateneo di Catania. Insegna Architettura Tecnica ed è stato supplente di Storia della Architettura Moderna. È vicedirettore del Dipartimento di Architettura del proprio Ateneo. È Coordinatore del TFA. È rappresentante presso la Scuola Superiore di Catania. È Consigliere di Amministrazione della Fondazione dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Catania. È membro dell’ArTec. Coordina il ciclo di eventi culturali EntropiaNegativa. Ha condotto numerose ricerche scientifiche che, essenzialmente, possono essere ricondotte a due ambiti tematici: la sostenibilità energetica in edilizia e la storia della costruzione. Ha curato la pubblicazione di numerosi lavori a stampa. Le monografie più recenti sono: La colonizzazione del latifondo siciliano, esiti e possibili sviluppi e Residenze in villa a Catania tra ottocento e novecento.

Prof. Matteo Segafreddo, Università Ca’ Foscari Venezia

  • Diplomi in Composizione, in Musica Corale e Direzione di Coro, Diploma di Perfezionamento in Composizione presso l’Accademia Nazionale di “S. Cecilia” di Roma con Franco Donatoni, si è aggiornato in composizione con Luciano Berio e Brian Ferneyhough ed ha approfondito la linguistica della Musica per film con Ennio Morricone. È presente in rassegne concertistiche e festivals in tutto il mondo. Le sue composizioni sono state registrate dalla BRTN 3 di Bruxelles e dalla RAI, pubblicate presso le Edizioni Pizzicato Verlag Helvetia, Edipan, Chiola Music Press, Agenda, Eurarte, Taukay, Centro Internazionale della Grafica, IDC Press, incise dalle case discografiche Edipan, Artis Records, Rivoalto, Agenda, Black Records e commissionate da Fondazioni Lirico-Sinfoniche, come Teatro La Fenice di Venezia, e da Associazioni Concertistiche, quali l’Orchestra Regionale Filarmonia Veneta e l’Ensemble InterContemporain di Parigi. Le sue opere sono conservate presso Biblioteche nazionali ed internazionali e presenti nei maggiori siti internet. La sua attività è citata nelle Enciclopedie e Dizionari degli Artisti, anche web. La sua musica è stata recensita nel 5° Canale della Filodiffusione della RAI. Il musicologo Renzo Cresti gli ha scritto una monografia pubblicata da Guido Miano Editore di Milano. Già Segretario Nazionale della “Federazione Compositori Italiani”, è commissario di giuria in Concorsi Internazionali di Composizione. Docente a contratto di Teoria e analisi musicale e Collaboratore del Programma di Ricerca PRIN 2009 presso il Dipartimento di Filosofia e Beni Culturali dell’Università “Ca’ Foscari” di Venezia, è Coordinatore della Commissione di studio e ricerca “Didattica dei Processi creativi sonori e della Composizione” del “SagGEM” Nazionale, presso il Dipartimento delle Arti dell’Università di Bologna. È relatore in vari Convegni nazionali ed internazionali e coopera con personalità di chiara fama nei settori artistico e scientifico-culturale. È autore di pubblicazioni scientifiche, didattiche e musicali, quali saggi e monografie teorico-compositive per le Edizioni Cleup, Diastema, Pensa MultiMedia.

Prof. Fabiola Sfodera, Università degli Studi di Roma La Sapienza

  • Professore Aggregato, insegna Gestione e Marketing delle imprese editoriali. Ultime pubblicazioni: Turismi, destinazioni ed internet. La rilevazione della consumer exerience nei portali turistici, Franco Angeli 2011; Il marketing esperenziale tra evoluzione e applicazione, Morlacchi, 2010.

Prof. Sandro Valletta, Diritto delle migrazioni, Università degli Studi Guglielmo Marconi (Roma)

  • Docente a contratto in Diritto delle Migrazioni, presso l’Università degli Studi  “G. Marconi” di Roma Docente in diversi Master per la Società di Formazione Genuensis C.I.C. dal 2007 a tutt’oggi. Direttore Didattico del Master in Scienze Diplomatiche e Consolari e Scienze Giuridiche,Economiche e della P.A .Vice-direttore del Master in Diritto Internazionale Umanitario. Presidente del Comitato Tecnico-Scientifico e Direttore Didattico per la Societa’ di Formazione Genuensis C.I.C. Vice Presidente del Centro Studi per l’Immigrazione sito in Via Torino,12, a Roma. Presidente del Centro Studi Politici,Giuridici e Sociali “Remo GASPARI” di Avezzano (AQ). Consulente-Progettista per l’A.N.O.L.F.-CISL (Associazione Nazionale Oltre le Frontiere) di Avezzano (AQ). Docente in diversi Master di Livello. Collaboratore fisso in diversi Giornali e Riviste con numerose Pubblicazioni. Scrittore,con all’attivo 7 Opere sul Tema del Disagio Sociale,sulla Politica e sull’Immigrazione. Molti  Riconoscimenti a Livello Nazionale e Locale.

Prof. Agnese Visconti

  • Ha svolto per il Museo Civico di Storia Naturale di Milano il coordinamento per l’ordinamento dei documenti manoscritti in esso conservati. Ha inoltre steso per la Regione Lombardia i testi per alcuni filmati didattico-ambientali, e ha insegnato dal 1988 al 1991 “Storia della Scienza” nella Facoltà di Lettere dell’ Università di Trieste. Dal 1997 al 2009 ha insegnato “Geografia politica e economica” nella Facoltà di Scienze Politiche dell’Università degli Studi di Pavia svolgendo corsi sui grandi temi ambientali nel mondo e tenendo contemporaneamente presso l’Università degli Studi di Milano Laboratori sul tema “Musei e cultura naturalistica e valorizzazione del territorio”. Ha tenuto in qualità di professore a contratto il “Corso di Geografia delle risorse agroalimentari” per il corso biennale nell’Università delle Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Dal 2012 tiene in qualità di professore volontario corsi su temi ambientali per l’Università della Terza Età, fondata dall’Associazione Auser. E’ autrice di numerose pubblicazioni per Electa, Einaudi, Sellerio, Franco Angeli, di argomento storico-naturalistico e ambientale