Una grande artista con i gessetti alla “lavagna dell’effimero” di Villa Verde

11508-800x600-300x225

Venerdì 29 marzo presso la Biblioteca Comunale di Villa Verde, in provincia di Oristano, si svolgerà il tradizionale appuntamento con la “Lavagna” dell’ex scuola elementare della città, ora nella Biblioteca Comunale, diventata il medium per la realizzazione di una performance artistica la cui cifra connotante è l’effimero.

Dalle 15,00 oltre a vedere l’artista all’opera gli utenti della biblioteca potranno aprire gli scatoloni con le Novità appena arrivate e scegliere i libri desiderati che verranno poi catalogati e dati in tempo reale in prestito. Una volta al mese, l’attività è organizzata da Biblioteca Comunale, dall’amministrazione Comunale e dalla locale Pro Loco, da più di due anni a questa parte, un artista è chiamato alla lavagna per disegnare con i gessetti un’opera, che il mese successivo sarà cancellata da un altro artista, che ne creerà una nuova. L’effimero è temperato dal ricordo dell’opera, che è stato affidato, sin dall’esordio di Lavagna Artisti, alla fotografia. L’artista che si cimenterà Venerdì 29 Marzo sarà Marie-Claire Taroni. Il 31° lavoro sulla Lavagna inizierà alle 15.00 per poi concludere alle 19.00 con la presentazione della lavagna a cura dell’artista.

(info: bibliovillaverde@tiscali.it)

Marie-Claire Taroni è nata in Francia nel 1945. Ha vissuto fino al 1984 a Parigi, dove ha seguito studi di biologia e frequentato l’atelier Lautrec. Ha fatto parte di diversi collettivi d’arte (CAIRN, Photolangages, Art et regards des femmes in Francia e Centro Internazionale multimedia e NaturaCultura in Italia) ed ha collaborato con scrittori e poeti (Parigi, Londra, Napoli) dando vita a performance, mostre e illustrazioni. Dal 1984 fino al 2006 vive a Napoli per trasferirsi poi in Sardegna dove si trova tuttora.