I volti di una città. Cavallino Treporti scommette sulla cultura tra fotografia, letteratura e filosofia

hotel-Righetto-Cavallino-Treporti-6-300x216

Racchiusa tra il mare Adriatico e la laguna Nord di Venezia, Cavallino Treporti scommette sulla cultura. Ha cominciato con la fotografia invitando ogni anno un fotografo di fama indiscussa a rileggere e indagare il suo territorio, attraverso l’obiettivo della macchina fotografica e la sensibilità dell’artista. Così, dopo le partecipazioni di Marco Zanta, Franco Fontana, Guido Guidi, Giovanni Chiaramonte quest’anno è toccato a Fausto Giaccone il cui catalogo è stato presentato a febbraio presso la Sala Consiliare del Municipio di Ca’ Savio

Sempre a febbraio sono andati in onda gli “Incontri con la fotografia e la letteratura”: una mostra dedicata a Berengo Gardin, storia di un fotografo, poi la presentazione del libro “Il sogno di Nenette”. La spedizione ciclistica Bassano del Grappa-Dakar 2012, di Carlomaria Corradin e Alberto Fiorin. E a marzo ha fatto il suo ingresso sul palcoscenico degli appuntamenti in biblioteca di Cavallino Treporti la filosofia, con il Tractatus de intellectus emendatione di Spinoza, in cui il filosofo olandese descrive la sua “Conversione filosofica”: “Dopo che l’esperienza mi insegnò che tutto quello che si incontra comunemente nella vita è vano e futile, vedendo che tutto ciò da cui temevo e che temevo non aveva in sé nulla né di bene né di male se non in quanto il mio animo se ne commuovesse, stabilii finalmente di ricercare se ci fosse un vero bene che si comunicasse a chi l’ama e ne occupasse da solo l’animo respingendo tutte le altre cose: se ci fosse qualcosa, trovata e ottenuta la quale, io potessi in eterno godere continua e somma letizia”. A introdurre il pensiero dei grandi filosofi che, ad un certo punto della loro vita, hanno deciso di cambiare vita e di convertirsi alla filosofia sono stati Davide Ubizzo e Antonio Guerra.

Cavallino-Treporti è uno dei più giovani comuni d’Italia: è stato infatti costituito nel 1999, separandosi da Venezia, dopo una consultazione referendaria in considerazione della forte identità economica e sociale del territorio. E’ una penisola collegata a Jesolo da un ponte. Nell’estremità opposta c’è Punta Sabbioni, terminal d’accesso verso Venezia.